Home » Cos’è il Liquidity Mining?

Cos’è il Liquidity Mining?

  • di

Il Liquidity Mining è un processo in cui i detentori di criptovalute prestano risorse ad un exchange decentralizzato in cambio di ricompense. Questi premi derivano comunemente dalle commissioni di trading maturate dai trader che scambiano i token su tali DEX. Le commissioni sono solitamente dello 0,3% per lo swap e la ricompensa differisce in base alla propria quota proporzionale immessa nel pool di liquidità.

Liquidity Mining
Schema di funzionamento del Liquidity Mining

Un’altra definizione di Liquidity Mining è quella di una strategia di investimento in cui i partecipanti, all’interno di un protocollo DeFi, contribuiscono con i loro asset ad agevolare il trading di una piattaforma. In cambio dei loro contributi, i partecipanti vengono premiati con una quota delle commissioni o dei token di nuova emissione.

Dal punto di vista della piattaforma, potremmo definire il Liquidity Mining come l’insieme di pratiche messe in atto da un protocollo al fine di incentivare i depositi degli utenti dando loro dei premi in token (solitamente di governance).

Il termine “liquidity” indica la facilità con cui un bene può essere convertito in denaro spendibile: più è facile spendere un bene, più è liquido.

Il “mining” è invece un termine usato in po’ impropriamente in questo contesto: si riferisce infatti, solitamente, all’attività svolta dai miner sulle reti Proof-of-Work (come quella di Bitcoin) per produrre nuove monete. Qui invece allude all’idea che i fornitori di liquidità concorrano ad ottenere dei premi – commissioni e/o token – per i loro sforzi.