Home » Cos’è il Metaverso?

Cos’è il Metaverso?

  • di

Internet ci ha permesso di immaginare di vivere in un altro mondo. Dalla sua creazione, sono stati pubblicati numerosi romanzi, film e videogiochi che descrivono in dettaglio realtà alternative all’interno di reti interconnesse.

Nel libro Neuromante – del lontano 1984 – il personaggio principale, un cowboy del cyberspazio, entra in una “matrice”. Questo mondo virtuale viene illustrato come una “allucinazione consensuale”. Il film “The Matrix” ha rappresentato gli umani inseriti in un mondo simulato, mentre vivono in una realtà sintetica.

Metaverse Crypto
Metaverse Crypto

Questo è ciò che potremmo chiamare metaverso. “Meta” è un prefisso che significa “oltre” mentre “verso” deriva da “universo”, creando la parola “Metaverso”.

Ma qual è la relazione fra Metaverso e criptovalute (e NFT)?

Un metaverso, per dirla semplicemente, è uno spazio in cui gli esseri umani vivono in un universo virtuale condiviso. Il termine ha origine dal romanzo “Snow Crash” di Neal Stephenson, in cui gli umani interagiscono tra loro come avatar in uno spazio 3D.

Qualche anno fa, il film “Ready Player One” ha rappresentato persone che possono entrare in un mondo virtuale e diventare esseri 3D, avatar. I giocatori sperimentano cose che non sarebbero in grado di fare nel mondo reale, come eseguire imprese fisiche estreme o guidare veicoli tecnologicamente avanzati.

Finora i mondi virtuali non hanno provocato un’apocalisse sociale e, anzi, ci hanno permesso di interagire con altre persone online: pensa ad esempio ai Massively Multiplayer Online (MMO) come World of Warcraft. In questi mondi vengono impersonati guerrieri, stregoni, ladri, guaritori o altri esseri con poteri soprannaturali che costituiscono i personaggi del gioco.

Il Metaverso, con la M maiuscola, è l’idea che ci sarà un’unica realtà virtuale in cui gli esseri umani diventeranno avatar. Vivranno in questo spazio condiviso, parleranno tra loro, giocheranno, guarderanno film, navigheranno sul web. Sarà una nuova Internet.

Invece di questo piatto World Wide Web dove le persone navigano ogni giorno, il Metaverso avrà consistenza, dimensione e colore. Le persone si incontreranno, guarderanno spettacoli, visiteranno musei e parchi virtuali, tutto all’interno della stessa piattaforma.

È diventato sempre più probabile che, se questo Metaverso onnicomprensivo dovesse realizzarsi, sarebbe alimentato dalla blockchain. Grazie anche agli NFT (i token non fungibili), che permettono di avere la piena proprietà di un asset digitale.

Con la tecnologia blockchain, puoi possedere una risorsa digitale e il token assicurerà che l’opera d’arte, l’oggetto di gioco, la proprietà digitale e così via saranno di tua esclusiva proprietà. Queste risorse degli utenti sono decentralizzate e peer-to-peer, non soggette a un’autorità centralizzata come un governo o una banca.

Non solo le persone navigheranno su una nuova Internet con questa tecnologia. Le persone inizieranno a possedere proprietà digitali, grazie alla tecnologia NFT. Non solo avrà trama tridimensionale, colore e immensa interattività. Il Metaverso sarà anche un luogo in cui le persone acquisteranno e venderanno risorse uniche con un livello di proprietà peer-to-peer decentralizzato che prima non era possibile.

NFT e Metaversi

La fungibilità è usata in finanza per parlare di beni che sono indistinguibili e intercambiabili. Un chiaro esempio di asset fungibili sono le valute e le criptovalute. Un dollaro può essere intercambiabile con un altro dollaro. Allo stesso modo, 1 bitcoin è intercambiabile con 1 bitcoin. Sia il dollaro che il bitcoin possono essere divisi in parti senza modificarne il valore. Ad esempio, una banconota da 20 dollari può essere suddivisa in quattro banconote da 5 dollari o una banconota da 5 dollari suddivisa in cinque banconote da 1 dollaro. Un bitcoin può essere diviso in frazioni di bitcoin, anche del valore di un singolo satoshi.

Gli NFT, invece, sono risorse uniche non intercambiabili e distinguibili, come un gatto, una carta Pokemon o un’auto. I gatti hanno un valore unico per i proprietari. Potresti non voler scambiare il tuo gatto con il gatto di un vicino, anche se sono entrambi persiani. Il gatto del vicino potrebbe non avere i ricordi che entrambi avete condiviso. Una carta Pikachu rara potrebbe essere venduta per 100.000 dollari in un’asta. Una carta Pikachu simile potrebbe essere venduta per 50.000 dollari in un’altra asta perché quella carta specifica ha un graffio. Allo stesso modo, se dividi una carta Pikachu in venti pezzi, non avrà lo stesso valore di dividere una banconota da 20 dollari in quattro banconote da 5 dollari.

Gli NFT creano questa stessa unicità attraverso token che trasformano una immagine, un video, un oggetto di un gioco, una terra digitale e qualsiasi altra cosa che chiunque può inventare in una risorsa non intercambiabile e distinguibile.

Decentraland e The Sandbox

Due metaversi che negli ultimi mesi hanno ottenuto un enorme successo sono Decentraland e The Sandbox. Di conseguenza, anche i rispettivi token (MANA e SAND) sono cresciuti parecchio di valore.

Decentraland
Decentraland

Decentraland è una piattaforma di realtà virtuale alimentata dalla blockchain di Ethereum, che consente agli utenti di creare e monetizzare contenuti e applicazioni. In questo mondo virtuale, gli utenti acquistano appezzamenti di terreno che possono successivamente esplorare, costruire e monetizzare.

Decentraland è stato lanciato a seguito di una ICO da 24 milioni di dollari condotta nel 2017. Il mondo virtuale ha lanciato la sua closed beta nel 2019 e aperto al pubblico nel febbraio 2020.

Decentraland utilizza due token: MANA e LAND. MANA è un token ERC-20 che deve essere bruciato per acquisire token ERC-721 LAND (non fungibili). I token MANA possono anche essere utilizzati per pagare una gamma di avatar, dispositivi indossabili e altri oggetti presenti nel marketplace di Decentraland.

Decentraland è pensato per creatori di contenuti, aziende e individui che sono alla ricerca di un nuovo mezzo artistico, opportunità di business o fonte di intrattenimento.

In totale, il mondo di gioco di Decentraland è diviso in 90.601 lotti individuali di LAND, ognuno dei quali è rappresentato da un token non fungibile ERC-721. Ogni LAND misura 16m x 16m (256 metri quadrati) e si trova in una particolare coordinata nel Metaverso.

Gran parte del Metaverso è diviso in distretti, ognuno dei quali ha una dimensione e un tema diversi. Questi distretti sono stati generati tramite crowdsale individuali per token MANA e i lotti di LAND, in questi distretti, non possono essere scambiati.

Decentraland è anche uno dei sempre più numerosi progetti che utilizzano una struttura di organizzazione autonoma decentralizzata (DAO) per le decisioni di governance. Di conseguenza, i possessori di token MANA hanno il controllo di come si comporta il mondo Decentraland, proponendo e votando gli aggiornamenti delle politiche, le specifiche delle prossime aste LAND e i tipi di contenuti consentiti nel Metaverso.

Oltre ad essere uno sbocco creativo, molti utenti di Decentraland attualmente monetizzano la propria LAND tramite leasing, pubblicità ed esperienze a pagamento. Allo stesso modo, altri utenti generano un reddito creando e vendendo articoli sul marketplace di Decentraland in cambio di token MANA.

The Sandbox
The Sandbox

Lanciato nel 2011 da Pixowl, The Sandbox è un mondo virtuale basato su blockchain che consente agli utenti di creare, costruire, acquistare e vendere risorse digitali sotto forma di gioco. Combinando i poteri delle organizzazioni autonome decentralizzate (DAO) e dei token non fungibili (NFT), The Sandbox ha creato una piattaforma decentralizzata con una fiorente comunità di gioco.

Secondo il whitepaper ufficiale, la missione principale di The Sandbox è introdurre con successo la tecnologia blockchain nei giochi tradizionali. La piattaforma si concentra sulla facilitazione di un modello creativo “play-to-earn“, che consente agli utenti di essere sia creatori che giocatori contemporaneamente. Sandbox sfrutta i poteri della tecnologia blockchain introducendo il token di utilità SAND, che facilita le transazioni sulla piattaforma.

Concentrandosi sui contenuti generati dagli utenti, The Sandbox crea un metaverso di attori che contribuiscono all’ulteriore sviluppo della piattaforma. Grazie al token SAND, The Sandbox promuove la governance decentralizzata e consente agli utenti di condividere le proprie opinioni e idee sullo sviluppo del progetto.

Il progetto ha attirato il sostegno e gli investimenti di numerosi grandi nomi dell’industria dei giochi. Questi includono marchi come Atari, Helix e CryptoKitties.

Conclusione

Come puoi vedere, già oggi i metaversi pullulano di vita e un sacco di persone creative si stanno unendo per acquistare terreni e creare un’architettura digitale basata sulla blockchain.

Forse un mondo come “Ready Player One“, un Metaverso completamente realizzato e immersivo, sarà costruito sulle basi dei metaversi blockchain che vediamo oggi. Magari lo creerà Mark Zuckerberg col suo progetto Meta, chissà.