Home » Cos’è il Minting?

Cos’è il Minting?

  • di

Minting significa coniare. Con minting si intende quindi il processo di conio di nuovi token utilizzando il metodo Proof-of-Stake. Il termine si utilizza sia in riferimento alle criptovalute che, soprattutto, agli NFT.

Minting
Minting

Tecnicamente, il processo di minting è quello di convalidare le informazioni, creare un nuovo blocco e registrare tali informazioni sulla blockchain. Il mint è decentralizzato, consentendo a chiunque di creare token senza la necessità di un’autorità di regolamentazione centrale.

Le criptovalute possono essere “coniate” in due modi:

Il risultato finale è il medesimo, ma la procedura è diversa: nel mining si utilizzano potenti macchine (ASIC) che risolvono complesse formule matematiche e ricompensano i minatori “estraendo” nuove monete.

Il minting è invece collegato al concetto di Proof-of-Stake, nel quale le monete vengono impegnate e bloccate (e quindi rimosse dal mercato) per convalidare le transazioni.

Mint NFT

Quando minti un NFT stai creando un asset sulla blockchain, in modo permanente. Questa risorsa può essere un’immagine, un video, un file audio o addirittura il pass per l’accesso ad un club. Una volta coniato puoi facilmente scambiarlo o venderlo sul mercato.

Il processo di minting di un NFT è il modo in cui un’opera d’arte digitale (o qualsiasi altro oggetto digitale) viene permanentemente “incisa” nel registro pubblico di una blockchain: non può più essere modificata ed è quindi a prova di manomissione.

In breve: quando fai il mint di un NFT, stai creando elemento su una blockchain (tipicamente Ethereum): questa voce è la tua prova immutabile di proprietà, che puoi o meno vendere e trasferire a qualcun altro in una fase successiva.