Home » Come impostare un PAC di Bitcoin e Criptovalute

Come impostare un PAC di Bitcoin e Criptovalute

  • di
PAC di Bitcoin e Criptovalute
PAC di bitcoin e criptovalute

PAC è l’acronimo di Piano di Accumulo del Capitale.

Si tratta di una strategia di investimento che mira a ridurre l’impatto della volatilità – e quindi ridurre il rischio – acquistando ad intervalli regolari una determinata criptovaluta.

Ci sono due diverse tecniche di implementazione del PAC: il Dollar Cost Averaging (DCA) e il Value Averaging (VA). Vediamo in cosa consistono.

Dollar Cost Averaging (DCA)

Il DCA è una pratica in cui un soggetto investe una determinata quantità di denaro, sempre uguale, a intervalli regolari (tipicamente una volta al mese), per un lungo periodo (minimo un anno, ma spesso almeno tre o cinque).

Il DCA è una buona strategia per gli investitori con una bassa tolleranza al rischio. Se hai una somma forfettaria di denaro da investire e la metti su una criptovaluta tutta in una volta, corri il pericolo di acquistare su un picco, il che può essere un errore clamoroso se i prezzi scendono.

Se invece distribuisci l’investimento su più mesi, abbatti drasticamente il rischio (soprattutto nel caso di asset molto volatili, come per l’appunto le cripto).

Value Averaging (VA)

A differenza del DCA, con il VA investi una cifra maggiore quando il prezzo dell’asset scende e una minore quando il prezzo sale.

Pertanto, se vuoi operare con il Value Averaging devi pianificare con attenzione sia i livelli dei prezzi di acquisto, sia gli importi che vuoi investire quando il prezzo tocca quei livelli: è sicuramente un’operatività più complessa del DCA.

PIC (Piano di Investimento di Capitale)

Solo per completezza di informazione citiamo anche il PIC, ovvero l’investimento in un’unica soluzione di una certa somma.

Francamente ci sentiamo di sconsigliare questa strategia se ti stai approcciando ora con il settore delle criptovalute, considerando anche l’elevata volatilità di tali asset.

L’acquisto ricorrente di Crypto.com

Acquisto ricorrente nell’app di Crypto.com

Passiamo ad un esempio pratico. Fra le tante opzioni dell’app di Crypto.com c’è anche quella del PAC – chiamata “acquisto ricorrente” – attivabile su circa 30 criptovalute.

Sono disponibili tre diversi intervalli temporali riguardanti le frequenze di acquisto:

  • Settimanale
  • Quindicinale
  • Mensile (a scelta fra il primo giorno di ogni mese, l’ultimo giorno di ogni mese o un giorno specifico)

L’importo minimo di ogni singolo versamento è molto contenuto, soli 45 euro, ed è possibile annullare il piano di acquisto quando si vuole, senza alcuna penale.

L’acquisto ricorrente può essere effettuato utilizzando carta di credito, crypto wallet o fiat wallet.

“Ma un PAC su bitcoin… conviene davvero?”

La domanda è assolutamente legittima: come posso essere certo che un acquisto ricorrente di una certa criptovaluta mi permetta di guadagnare (o comunque non perdere il capitale investito)?

Ovviamente nessuno è in grado di prevedere il futuro, ma se guardiamo al passato possiamo certamente dire che chi ha investito con un PAC in bitcoin (e su alcune altre ottime altcoin) ha decuplicato – se non centuplicato – il suo investimento.

Ci sono vari siti – uno su tutti, DCA CC – che permettono di effettuare questi calcoli e queste proiezioni, restituendo risultati inequivocabili:

Esempio di guadagno ottenuto con un PAC su bitcoin

Riassumendo

Il PAC è probabilmente il modo migliore e meno rischioso per entrare, in punta di piedi, nel mondo delle criptovalute.

Se uniamo il PAC all’Earn, ovvero al guadagno passivo di interessi sulle nostre cripto in deposito, abbiamo probabilmente trovato la formula per dormire sonni tranquilli (a differenza di certi trader incollati ai grafici 24 ore su 24).

Se vuoi approfondire la cosa, su Crypto.com trovi entrambe le opzioni.

Il contenuto di questo articolo non è da intendersi come consiglio finanziario, ma solo come parere personale: informati accuratamente su quello che stai per fare, e investi solo ed esclusivamente il denaro che puoi permetterti di perdere.